Storia del Profilattico: il Preservativo nei Secoli

Così come gli atteggiamenti culturali e gli atteggiamenti politici sono cambiati, così è cambiata la popolarità dei preservativi.

Man mano che la tecnologia si è evoluta, siamo diventati più bravi nel comprendere malattie e infezioni.

Nel corso degli anni sono stati fatti molti progressi nel design dei preservativi, e in questo articolo parleremo della Storia del Preservativo.

Primi preservativi

Fallopia, anatomista che è anche accreditato di aver dato il nome alle tube di Falloppio, ha usato il preservativo per la prima volta in Europa nel 1564.

Prima della rivoluzione, i preservativi erano usati come mezzo per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili.

In Europa, ad esempio, la sifilide era una malattia mortale che imperversava da più di 300 anni.

La Chiesa si è indignata dopo aver appreso del concetto degli spermatozoi nel XVII secolo, quando sono state istituite barriere che ne impedivano il progresso.

I medici hanno percepito i preservativi come uno strumento per i donnaioli, le prostitute e l’immoralità nel XVIII secolo.

Tuttavia, le classi medie e alte li trovavano piuttosto popolari.

Grazie alla scoperta del signor Goodyear della gomma vulcanizzata nel 1839, la classe operaia ottenne l’accesso ai preservativi nel 19 ° secolo.

La Storia dei Preservativi

In qualità di apripista, il re Minosse di Creta ha protetto sua moglie dal suo seme con un fodero della vescica di capra durante il rapporto, poi riempito di “serpenti e scorpioni”. Era intorno al 3000 a.C.

Prima del XV secolo, la Cina e il Giappone usavano i preservativi per il glande, che coprono solo la testa del pene.

Si ritiene che fossero fatti di carta di seta oleosa in Cina o di intestino di agnello in Giappone, ma a quanto pare potrebbero essere stati fatti anche da guscio di tartaruga o corno di animale.

Quando arrivarono gli egiziani, le cose iniziarono a migliorare, con foderi di lino di diversi colori indossati da diverse classi di persone e per proteggersi dalla bilharzia.

Gli antichi romani usavano anche intestini di animali o biancheria come preservativi e talvolta i muscoli dei loro combattenti uccisi.

La popolarità del preservativo aumenta

Col passare del tempo, i preservativi hanno guadagnato popolarità.

Sebbene l’uso del preservativo sia fortemente criticato (ad esempio dal Parlamento britannico, che vuole metterlo fuori legge perché incoraggia il sesso con partner pericolosi), il mercato del preservativo è cresciuto costantemente e rapidamente. I pub e i teatri europei li vendevano, così come i barbieri.

L’uso del preservativo era generalmente limitato alle classi superiori fino al XIX secolo a causa della mancanza di educazione sessuale tra le classi lavoratrici.

Da quando si è scoperto che l’AIDS si trasmette da persona a persona attraverso il contatto sessuale, l’uso del preservativo è aumentato vertiginosamente a un ritmo mai visto prima.

Arriva il lattice

Un decennio dopo, nel 1839, Charles Goodyear inventò la vulcanizzazione della gomma, un processo per la produzione della gomma durante la rivoluzione industriale.

I preservativi di gomma furono prodotti per la prima volta nel 1855 e quelli prodotti in serie erano disponibili negli anni ’60 dell’Ottocento.

Anche allora, i preservativi per la pelle rimasero popolari, poiché sono più economici e quelli di gomma tendevano a cadere a pezzi.

I preservativi in ​​lattice, fatti di gomma sospesa nell’acqua, divennero popolari negli anni ’20. Poiché erano più convenienti e più facili da produrre, i preservativi in ​​lattice hanno sostituito i preservativi per la pelle in popolarità.

Entro la fine della prima guerra mondiale, i casi documentati di sifilide e gonorrea tra i militari americani salirono alle stelle. Le uniche nazioni europee senza preservativo erano gli Stati Uniti e la Gran Bretagna.

Durante quel periodo furono spesi molti soldi per curare i soldati con la sifilide, poiché la malattia uccideva più persone all’anno dell’AIDS.

Le truppe statunitensi hanno ricevuto preservativi durante la seconda guerra mondiale, imparando dai loro errori.

Durex creò il primo preservativo lubrificato nel 1957, compensando il fatto che la Gran Bretagna era lenta nell’adozione.

L’uso dei preservativi aumentò tra il 1955 e il 1965, con il 42% delle persone sessualmente attive che li utilizzava per il controllo delle nascite.

L’uso del preservativo è precipitato fino agli anni ’80 e allo scoppio dell’AIDS, a seguito dell’uso diffuso di penicillina e contraccettivi.

Storia dei Preservativi Femminili

Si dice che l’antica Grecia abbia usato il primo preservativo femminile più di 2000 anni fa.

Il re Minosse fu maledetto per eiaculare serpenti e scorpioni, che spesso uccidevano i suoi partner.

Alla fine, il suo medico si offrì di inserire la vescica di una capra nei suoi amanti, in modo che potessero essere protetti dalle bestie velenose prima che potesse essere fatto qualsiasi danno.

La verità è che Marie Stopes, che ha promosso uno dei primi preservativi femminili nel 1923, era un’attivista per il controllo delle nascite del 20 ° secolo e sostenitrice dell’eugenetica positiva.

La gomma era spessa e vulcanizzata, con un bordo a spirale. Negli anni ’80, il contraccettivo in gomma era lavabile e riciclabile.

Dalla sua introduzione nel 1993, il moderno preservativo femminile è stato perseguitato da problemi di pubbliche relazioni.

Oltre ad avere un aspetto strano, le donne temevano che “frusciasse” durante l’uso. I media tendevano a ignorare i numerosi vantaggi del suo utilizzo e ridicolizzarli invece di accettarli. Ci sono stati paragoni con “The Scream” di Edvard Munch.

AIDS e Preservativi: cosa devi sapere

In risposta alla scoperta che l’AIDS è una malattia a trasmissione sessuale, il tasso di utilizzo del preservativo è aumentato nel mondo ai livelli più alti mai visti.

Negli anni 2000, tuttavia, è iniziata la compiacenza e il numero di altre persone sessualmente tras

infezioni colpite aumentate. Quello che preoccupa maggiormente gli operatori sanitari è la clamidia. Nell’ultimo decennio la prevalenza della malattia è raddoppiata e si stima che il 25% delle donne la contrarrà entro 25 anni.

Ora che abbiamo visto carta di seta e lattice, cosa c’è dopo? Saresti interessato a un preservativo che sembri proprio come la vera pelle? Gli scienziati della Wollongong University ritengono di essere all’apice di una svolta che potrebbe avere un impatto significativo sul futuro.

Torna a Sexy Toy

ANGELICA T.

Il mio obbiettivo è di aiutare le coppie a vivere esperienze sensuali indimenticabili. Ho molta esperienza nel settore dell’amore e ho una grande passione per l’argomento. Sono sempre alla ricerca di nuove forme di erotismo e alla condivisione della mia esperienza con i miei lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.