Sesso in Mare: i Rischi per la Salute e Come Evitarli

Avete mai sentito parlare del water sex? Se la risposta è no ve lo spieghiamo noi!

Con water sex si indica il sesso in acqua, la variante più comune è quella sotto la doccia di casa ma, se vogliamo essere precisi, fare “sesso in acqua” significa esservi immersi, che sia in mare, in piscina, nel lago o in una grande vasca idromassaggio.

Altra variante interessante potrebbe essere quella sul bagnasciuga, sfiorati dal dolce tocco delle onde del mare come nei migliori film d’amore!

Lasciando da parte descrizioni e dettagli, è importante sapere che il water sex o sesso bagnato non è solo una fantasia diffusa, ma è anche una pratica erotica che tutti abbiamo provato o proveremo almeno una volta nella vita.

Se non l’hai mai provato ti consigliamo di rimediarvi al più presto, l’estate è vicina ed è la stagione ideale per dell’ottimo water sex!

Qui di seguito vi spiegheremo tutto ciò che vi è utile sapere sul water sex, tra luoghi, posizioni, pro e contro…

Come funziona la lubrificazione in acqua

Un fattore da tenere in considerazione è l’associazione scorretta acqua = lubrificazione.

Infatti, al contrario di quello che comunemente si pensa, l’acqua non lubrifica ma, al contrario, elimina qualsiasi liquido prodotto dalla vagina.

Quindi dovrete prestare molta attenzione alla penetrazione, poiché potrebbe essere una penetrazione in condizioni interne della vostra partner più secche del solito.

Luoghi adatti al water sex


Il posto più utilizzato per il sesso in acqua è, come ben immaginerete, il mare (soprattutto al largo, ma anche dove si tocca o sul bagnasciuga).

Oltre al mare potrete scatenare la vostra fantasia e pensare ad altri posti per il vostro water sex come la piscina, il lago e finanche un fiumicello, facendo però attenzione alle correnti.

L’alternativa più semplice e casalinga, come vi abbiamo accennato prima, è il sesso sotto la doccia oppure in una grande vasca idromassaggio, per chi ne possiede una, che può scatenare fantasie molto sexy.

Bisogna prendere precauzioni in acqua?


La risposta è si! Le precauzioni vanno usate sempre, in ogni condizione: il sesso in acqua non esclude il rischio di contrarre malattie sessualmente trasmissibili o di avere gravidanze non desiderate, per questo motivo è bene utilizzare sempre il preservativo.

Ci sono pochi studi a riguardo, si è riscontrato che un’alta concentrazione di sodio nell’acqua potrebbe compromettere il profilattico, ma normalmente questo non succede.

Il consiglio che possiamo darvi è di metterlo fuori dall’acqua nel momento dell’erezione, poiché in acqua risulterebbe più complicato.

Possibili controindicazioni


Per quanto sia bello e stimolante praticare sesso in acqua va detto che non sempre l’acqua è il posto più adatto per fare del buon sesso.

Questo dipende da quanto l’acqua sia sporca o pulita, perché c’è il rischio di contrarre infezioni indesiderate sia per lei che per lui.

Ovviamente con questo non vi stiamo consigliando di girare con il kit da laboratorio per rilevare la presenza di batteri e microrganismi vari né, al contrario, di essere troppo leggeri e fare sesso in mezzo a meduse o in acque particolarmente sporche, serve solo un po’ di buon senso.

Se invece scegliete di farlo su uno scoglio o sulla sabbia tenete in considerazione che ci potrebbe essere dello sfregamento non troppo piacevole, ovviamente dopo dedicatevi entrambi a una minuziosa pulizia delle parti intime.

Le posizioni per il water sex


Qui di seguito vi illustreremo brevemente le posizioni in base al luogo in cui sceglierete di praticare il vostro sesso in acqua.

In piscina


La piscina, senza onde rispetto al mare, è sicuramente il luogo più comodo e sicuro, magari su un bel materassino.

Oppure si può utilizzare il trampolino, dove lei è posta di fronte a lui o girata di schiena e lui può montarle sopra.

O, ancora, il classico bordo piscina.

In vasca


In vasca si sa si sta un po’ stretti ma se non siete dei giganti si può fare: è meglio che lui si metta sdraiato o semi sdraiato e lei gli cavalchi sopra. È possibile anche nella variante cowgirl reverse.

In doccia


La posizione ottimale per fare del buon sesso in doccia è in piedi: lui può prenderla da dietro e lei può alzarle una gamba per favorire la penetrazione.

Nei film vediamo lui che la prende in braccio, ma anche se sei palestrato, il problema non è quanto sei forte ma il rischio di scivolare sul piatto doccia e farvi molto male.

In mare o al lago


Se andate al largo (ovviamente solo se sapete nuotare discretamente) e vi sapete muovere abbastanza bene, potreste farlo sul materassino.

Se ci riuscite complimenti, avrete svolto un’impresa quasi impossibile in caso contrario finirete in acqua e vi farete delle grasse risate.

Se invece decidete di rimanere dove si tocca, la posizione da scegliere è quella uno di fronte all’altro dove lui è in piedi e lei è a cavalcioni, con le mani di lui a sorreggerle il lato B.

Detto ciò possiamo affermare che il sesso in acqua ha i suoi benefici, oltre ad essere molto eccitante perché c’è il brivido di essere scoperti, e dare un po’ di brio alla coppia, dà una sensazione di leggerezza grazie all’assenza di gravità, che ci permette di eseguire tutte quelle posizioni sessuali che in piedi, fuori dall’acqua, non riusciremmo mai a fare.

Torna a Sexy Toy

ANGELICA T.

Il mio obbiettivo è di aiutare le coppie a vivere esperienze sensuali indimenticabili. Ho molta esperienza nel settore dell’amore e ho una grande passione per l’argomento. Sono sempre alla ricerca di nuove forme di erotismo e alla condivisione della mia esperienza con i miei lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.