Sesso Anale Maschile: Può Portare all’Orgasmo negli Uomini?

Come ben sappiamo, sia il pubblico maschile che quello femminile adora il sesso anale, ma sembra che agli uomini piaccia di più.

Il motivo? Semplicemente dato dal fatto che l’anatomia maschile li predispone in questo modo.

Tuttavia, sembra che ci siano anche dei fattori psicologici che alimentano la questione.. andiamo ad esaminare questo tema più a fondo.

Infatti, entrambi i sessi condividono uno stretto sfintere esterno e un’ampolla interna vuota, e ciò vuol dire che tecnicamente entrambi i sessi dovrebbero provare piacere in egual misura quando si pratica il sesso anale.

Il responsabile di questo piacere irrefrenabile è dato dal nervo perineale, il quale è presente in un’area con molti nervi e che permette quindi una stimolazione sensoriale che è parecchio piacevole per coloro che vanno ad intraprendere questa pratica sessuale.

Inoltre, occorre ricordare che l’uomo, a differenza della donna, ha anche un elemento corporeo che alla donna manca, ovvero la prostata. E’ infatti la prostata ad aggiungersi al piacere sublime per i maschietti, i quali adorano quando è stimolata. Infatti, la prostata può essere stimolata dall’ano e dona un grande livello di piacere ai maschi, dato che permette di provare sensazioni molto forti di eccitazione.

E’ infatti importante ricordare che la prostata ricopre un ruolo fondamentale per il piacere maschile, e non deve essere vista in maniera negativa (spesso e volentieri la si collega solo a malattie e complicazioni, come ad esempio il cancro alla prostata).

Infatti, la Prostata aiuta i maschietti a creare orgasmi principalmente in due modi:

  1. Attraverso il passaggio del liquido spermatico, il quale va a sollecitarla e andando a causare un orgasmo
  2. Direttamente dall’accesso tramite il retto (ad esempio inserendo un dito)

E’ quindi chiaro che i maschietti hanno due aree che vanno a sollecitarsi durante il sesso anale, la prostata e l’innervazione sensibile dell’area anale.

Essere Penetrati o Pentrare nell’Ano?

Tecnicamente, sia l’atto di penetrazione che quello dell’essere penetrati in maniera passiva portano un gran piacere all’uomo. La penetrazione nell’ano infatti è molto piacevole dato che la resistenza che si va a creare sul glande è molto erotica e provoca una piacevole sensazione.

Inoltre, una volta che il pene è situato all’interno dell’ano, si va a creare una cosiddetta zona lassa, la quale avvolge il pee in modo diverso da quello esercitato dalla vagina.

Può rimanere un tabù, ma ormai sempre più persone sperimentano e si divertono grazie al sesso anale.

Infatti, si tratta di una zona che non viene utilizzata solo dagli omosessuali, ma si tratta di un attività che sempre più persone stanno provando e con la quale sperimentano diversi giochi sessuali.

Inoltre, ci sono anche altre alternative più “moderne”, come ad esempio gli strap-on fallici che possono essere semplicemente attaccati tramite una cintura ad una donna, in modo che possa ricreare un’azione maschile ma senza che quest’ultima abbia un pene o sia transgender.

C’è comunque chi dice che coloro che richiedano ai propri partner sessuali di praticare tali operazioni possano essere definiti dei cripto-omosessuali o transofili. Tuttavia, ci sono numerose questioni irrisolte attorno a queste discussioni, ed è quindi difficile riuscire a venirne fuori con una risposta unica una volta per tutte.

E voi cosa ne pensate, vi piace fare il sesso anale con il vostro partner?

Scriveteci la vostra opinione nei commenti!

Inoltre, se volete leggerne di più sul sesso anale o sui sexy toy in generale, date un’occhiata al nostro sito: al suo interno troverete numerosi articoli che parlano di sesso e dei migliori giochi erotici (anali e non) per divertirvi in modo sicuro e godereccio 😉

Ritorna alla homepage

ANGELICA T.

Il mio obbiettivo è di aiutare le coppie a vivere esperienze sensuali indimenticabili. Ho molta esperienza nel settore dell’amore e ho una grande passione per l’argomento. Sono sempre alla ricerca di nuove forme di erotismo e alla condivisione della mia esperienza con i miei lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.