Efficacia Preservativo: Sono Davvero Sicuri?

La ricerca suggerisce che l’uso del preservativo corretto può prevenire l’HIV e ridurre il rischio di trasmissione di altre infezioni a trasmissione sessuale.

Questi preservativi proteggono dall’HIV se combinati con la profilassi pre-esposizione (PrEP) e cariche virali non rilevabili.

Scopri di più sui preservativi continuando la lettura di questo articolo:

I preservativi di marchi rinomati sono stati trovati completamente impermeabili ai microrganismi, anche più piccoli dei virus nei test di laboratorio.

L’Associazione britannica per la salute sessuale e l’HIV stima che i preservativi sono efficaci al 95% contro l’HIV se utilizzati in modo corretto e coerente.

Le ultime notizie e ricerche su preservativi e lubrificanti

Non è chiaro se i preservativi effettivamente funzionino abbastanza per prevenire l’HIV nel mondo reale.

I ricercatori hanno difficoltà a produrre una stima accurata perché si affidano ai partecipanti che riportano accuratamente l’uso del preservativo, la frequenza del sesso e lo stato di HIV dei loro partner sessuali.

Se le persone temono il giudizio dei ricercatori, potrebbero non essere completamente oneste su tali questioni, il che potrebbe distorcere i risultati.

I ricercatori possono includere utenti incoerenti nei risultati per “utenti coerenti” se coloro che usano occasionalmente i preservativi dicono ai ricercatori che li usano sempre.

L’efficacia dei preservativi sarà quindi sottovalutata per questi individui a causa della loro maggiore probabilità di contrarre l’HIV.

L’uso del preservativo da parte delle coppie gay protegge dall’HIV?


Vorremmo richiamare la vostra attenzione su due recenti analisi.

I ricercatori del CDC Dawn Smith e altri tre hanno esaminato i risultati di due studi condotti negli Stati Uniti nel 2015: VAX 004 (uno studio su 4492 uomini tra il 1998 e il 1999) e EXPLORE (uno studio su 3233 uomini tra il 1999 e il 2001).

Nessuno dei due studi ha testato la PrEP, ma entrambi hanno arruolato uomini sieropositivi che hanno riportato rapporti sessuali con almeno una persona sieropositiva.

Uno studio del 2009 ha rilevato che il 70% delle infezioni da HIV è stato prevenuto utilizzando il preservativo in modo coerente (ovvero il 100% delle volte).

Solo l’8% delle infezioni da HIV è stato prevenuto tra coloro che hanno riferito di usare solo “a volte” il preservativo, e solo una protezione minima è stata dimostrata per coloro che hanno utilizzato il preservativo solo “a volte”. Molte persone lottano per usare il preservativo in modo coerente: solo il 16% degli uomini nei due studi ha dichiarato di aver sempre usato il preservativo con tutti i loro partner sessuali per almeno un anno.

Nonostante il fatto che il sesso senza preservativo con un top sieropositivo sia più rischioso del sesso senza preservativo con un bottom sieropositivo, i tassi di infezione tra partner inserzionali e ricettivi non erano statisticamente differenti in questo studio.

Il CDC ha anche pubblicato una nuova analisi nel 2018 del dottor Wayne Johnson e colleghi con un risultato diverso. Nuovi dati di quattro studi sono stati inclusi nella loro meta-analisi, compresi gli studi precedentemente citati, JUMP-START e HIVNET, tutti condotti a metà degli anni ’90. Un totale di 3262 partecipanti hanno partecipato a questa nuova analisi.

Lo studio si è basato sull’auto-segnalazione allo stesso modo del documento precedente.

La cifra del 70% del titolo di Smith potrebbe effettivamente essere sottostimata nello studio di Johnson, dal momento che ha concluso che è probabile che la cifra sia inferiore.

Ha calcolato che l’uso costante del preservativo nel sesso anale tra uomini previene il 92% delle infezioni da HIV.

Come può questa stima essere superiore alla stima del 2015?

Prima di tutto, il nuovo documento ha valutato l’efficacia del preservativo in quattro studi rispetto a solo due nel documento precedente. Al contrario, i ricercatori suggeriscono che la differenza fondamentale tra i due studi risiede nelle loro differenze metodologiche.

Secondo la stima del 2018, l’efficacia del preservativo per coppia rappresenta l’efficacia per atto sessuale nel 2015, ma l’efficacia per atto sessuale rappresenta l’efficacia per atto sessuale nel 2015.

È possibile che l’uso del preservativo a volte o mai aumenti il ​​rischio di contrarre l’HIV rispetto a usarli sempre .

Nelle persone che non usavano o talvolta usavano il preservativo, il rischio di infezione da HIV è cresciuto dell’83% per ogni partner in più che ha avuto rapporti sessuali ricettivi senza preservativo con loro (cioè per ogni persona in più con HIV).

Solo il 7,3% delle persone che usano sempre il preservativo ha mostrato un aumento, quindi l’efficacia del preservativo è risultata del 92%.

Il numero di partner piuttosto che il numero di atti può fornire un’indicazione più affidabile del rischio di trasmissione poiché il rischio di trasmissione tende a diminuire nel tempo in caso di più atti sessuali tra una coppia.

Il motivo potrebbe essere dovuto al fatto che i partner HIV positivi con un’elevata carica virale hanno maggiori probabilità di trasmettere la malattia nei primi mesi di una relazione, mentre i partner HIV positivi con una bassa carica virale hanno generalmente meno probabilità di trasmettere la malattia .

È meno probabile che ti infetti nel tempo, quindi hai meno rischi di non avere un’infezione. Inoltre, l’apparente efficacia del preservativo diminuisce con il tempo, così come il suo utilizzo.

Il rischio di infezione non può diminuire nel tempo quando una persona continua a fare sesso con più partner, poiché la probabilità di incontrare qualcuno con un’elevata carica virale rimane costante, così come l’efficacia dei preservativi.

Se usati da coppie eterosessuali, i preservativi proteggono dall’HIV?

Foteini Giannou ha studiato 25 studi che coinvolgono 10.676 coppie con un partner sieropositivo e uno negativo in una meta-analisi.

In una serie di paesi, queste ricerche sono state condotte tra il 1987 e il 2013. Il 71,7% -77% delle persone che usavano il preservativo in modo coerente aveva meno probabilità di contrarre l’HIV a seguito di contatti ripetuti con lo stesso partner rispetto alle persone che non lo usavano mai o in modo intermittente.

L’uso del preservativo fornisce un livello di protezione inferiore rispetto a quello riscontrato in una precedente meta-analisi, che ha esaminato molti, ma non tutti gli stessi studi, e ha scoperto che l’uso regolare del preservativo potrebbe ridurre l’incidenza dell’HIV dell’80%.

Oltre all’uso del preservativo, altri mezzi di prevenzione sono i più efficaci.

Una revisione indipendente del 2016 ha rilevato che l’uso costante del preservativo proteggeva maggiormente le donne quando il loro partner maschio era sieropositivo rispetto alla loro partner femminile.

Due studi asiatici hanno riportato livelli di protezione più elevati rispetto a 11 studi nordamericani e sudamericani, dimostrando la variabilità geografica.

I ricercatori ipotizzano che queste differenze riflettano una combinazione di fattori sociali, culturali, biologici e metodologici che non sono stati completamente spiegati.

Gli studi negli Stati Uniti, ad esempio, possono avere una percentuale più alta di partecipanti che praticano sesso anale e vaginale, il che aumenta il rischio di trasmissione dell’HIV.

È possibile che alcuni ricercatori siano più bravi a raccogliere informazioni accurate sul comportamento sessuale dei partecipanti rispetto ad altri.

Una variazione geografica nella suscettibilità all’HIV è possibile a causa delle differenze genetiche.

Pertanto, i preservativi sono estremamente efficaci nel prevenire la trasmissione dell’HIV in condizioni di laboratorio, ma non sono sempre usati correttamente nella realtà. Di conseguenza, sia le coppie eterosessuali che quelle omosessuali sono meno protette.

L’uso del preservativo che è inefficiente e scorretto dovrebbe essere studiato più da vicino.

Potenziali Errori del Preservativo


L’efficacia di un preservativo diminuisce se viene utilizzato in modo errato.

Circa il 40% degli incontri sessuali si traduce in errori del preservativo, che includono preservativi rotti, scivolamento e uso incompleto.

Nell’ambito del loro studio sull’uso del preservativo in 14 paesi nel 2012, Stephanie Sanders e colleghi hanno esaminato 50 studi. Il 17-51% degli intervistati ha affermato di aver usato il preservativo a metà del rapporto.

In totale, tra l’1,5 e il 25% delle esperienze sessuali sono state caratterizzate dall’uso del preservativo troppo tardi durante l’interazione.

In questo scenario, i preservativi non hanno protezione, poiché i fluidi si scambiano durante il corso degli incontri sessuali invece che solo durante l’eiaculazione.

Inoltre, i preservativi sono spesso usati in modo errato:

Uno studio ha rilevato che dall’1 al 27% delle persone si toglie il preservativo prima che l’incontro sessuale sia finito, mentre un altro ha scoperto che dal 14 al 45% lo rimuove prima che l’incontro sia finito.

Dal 2 al 25% delle persone ha srotolato completamente un preservativo prima di indossarlo.

Il ventiquattro-quattro-sei percento degli intervistati ha riferito di non aver lasciato un serbatoio sulla punta dell’ovaio.

In quasi la metà degli incontri sessuali, l’aria non è stata spremuta dalla punta del preservativo (48%) e solo il 42% degli incontri è stata schiacciata.

La prevalenza dei preservativi al rovescio varia dal 4 al 30%. Ciò potrebbe esporre un partner a fluidi corporei e potrebbe portare a comportamenti sessuali indesiderati.

L’uso corretto del preservativo ti proteggerà dalla trasmissione dell’HIV e previene la rottura del preservativo. Consulta la nostra scheda informativa per le istruzioni sull’uso corretto del preservativo.

Qual è la frequenza di rottura del preservativo?

Gli studi riportano diversi livelli di guasto, scivolamento o perdita del preservativo.

La revisione di Sanders (descritta sopra) ha rilevato che dallo 0,8 al 41% degli intervistati ha affermato di ritenere che un preservativo si fosse rotto. Il tasso di rottura per atto sessuale nella maggior parte degli studi era compreso tra lo 0 e il 4%.

Tuttavia, alcuni studi riportano tassi molto più alti.

Una recente ricerca americana ha rilevato che il 4% degli uomini che hanno fatto sesso con uomini hanno riferito di aver usato un preservativo che si è rotto l’ultima volta.

Non è stata trovata alcuna differenza tra gli uomini che hanno riferito di sesso ricettivo o inserivo, tuttavia, più giovane è l’uomo, più partner sessuali aveva e più “alti” erano quando facevano sesso, maggiore è la possibilità di una rottura.

La vestibilità e la sensazione dei preservativi contribuiscono alla rottura e allo scivolamento del preservativo, come riportato da circa un terzo degli uomini. Il rischio di rotture si riduce scegliendo un preservativo appropriato per il pene.

Se stai usando il preservativo insieme alla PrEP, non avrai cariche virali rilevabili.

L’efficacia dei preservativi può essere amplificata combinandoli con altre misure preventive.

Utilizzando uno studio di modellazione del 2015, è stato scoperto che gli uomini afroamericani che usano sempre il preservativo e usano la PrEP il 90% delle volte avrebbero un rischio di HIV inferiore del 92% rispetto a quelli che non usano mai il preservativo o la PrEP.

Lo studio presumeva che l’uso costante del preservativo prevenga il 70% delle malattie sessualmente trasmissibili. di infezioni, come nello studio di Dawn Smith.

La prevenzione dell’HIV è più efficace quando una persona riceve un trattamento per l’HIV che mantiene una carica virale non rilevabile. È zero per cento la probabilità che l’HIV venga trasmesso. Ma i preservativi sono anche efficaci nel prevenire la trasmissione sessuale infezioni e gravidanze indesiderate.

Torna a Sexy Toy

ANGELICA T.

Il mio obbiettivo è di aiutare le coppie a vivere esperienze sensuali indimenticabili. Ho molta esperienza nel settore dell’amore e ho una grande passione per l’argomento. Sono sempre alla ricerca di nuove forme di erotismo e alla condivisione della mia esperienza con i miei lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.