Bambola Gonfiabile per Donna: il Miglior “Bambolo” Gonfiabile è Questo?

I robot sessuali, a lungo un punto fermo della fantascienza, hanno iniziato a ricevere molta attenzione nel mondo reale.

A differenza delle bambole del sesso, le loro controparti inanimate, i robot sessuali mescolano silicone realistico con animatronics per simulare il movimento e incorporano i loro cervelli meccanici con l’intelligenza artificiale per fingere un comportamento cosciente.

Cercano di emulare un partner della vita reale che è in grado di rispondere e adattarsi al suo partner, non semplicemente una replica a grandezza naturale da utilizzare e abusare.

Ma dove sono i robot del sesso per le donne?

Semplicemente: non ce ne sono.

E sebbene un paio di aziende affermino di sviluppare robot maschili, nessuna prova ha confermato queste affermazioni. A prima vista, questo potrebbe non sembrare troppo sorprendente, soprattutto provenendo da un’industria così spesso criticata per la sua rappresentazione e oggettivazione delle donne.

Tuttavia, l’enorme dimensione del mercato della tecnologia del sesso, che si ritiene si aggiri intorno ai 30 miliardi di dollari, indurrebbe ad aspettarsi che almeno qualcosa venga prodotto per le donne. Anche se solo una piccola parte delle donne fosse interessata alla tecnologia, si tratta comunque di una somma di denaro molto elevata per solo una fetta della torta.

Le prove in altre aree dell’industria per adulti suggeriscono che un numero piuttosto elevato di donne potrebbe essere interessato all’esplorazione di queste tecnologie quanto le loro controparti maschili.

Sebbene i dati siano – comprensibilmente – difficili da ottenere, uno studio pone gli acquisti di giocattoli sessuali a una divisione uniforme tra uomini e donne. Ciò significa che esiste un mercato potenziale enorme e inutilizzato per i robot sessuali.

Perché il divario? La storia della tecnologia (il tipo non sessuale) è in gran parte prodotti realizzati da uomini, per uomini. Gli smartphone spesso si adattano a disagio nelle mani più piccole delle donne, specialmente in alcuni dei modelli più nuovi e più grandi.

Le auto sono state progettate per essere sicure per gli uomini, con cinture di sicurezza e airbag molto più soggette a guasti per le donne. E i nuovi cuori artificiali sono adatti solo per il 20% delle donne, contro l’86% degli uomini. Quando è stato interrogato da Motherboard sullo sviluppo di un modello più piccolo per le donne, un rappresentante ha detto che non c’erano piani perché questo “comporterebbe investimenti e risorse significativi per più anni”.

Il fatto che la robotica sessuale si basi sugli sviluppi dell’intelligenza artificiale amplifica il problema; il campo dell’IA è noto per il suo pregiudizio di genere, anche rispetto ad altri nel settore tecnologico. La ricercatrice di Microsoft Kate Crawford lo ha denunciato come “White Guy Problem” dell’IA in un editoriale per il New York Times, e Margaret Mitchell, ex ricercatrice di Microsoft che ora lavora a Google, ha descritto l’IA come un “mare di tizi”. Non sorprende, quindi, che i robot sessuali siano stati sviluppati principalmente per uomini eterosessuali.

I titoli di genere sono illuminanti: “I nuovi robot sessuali con impostazioni” fredde “consentono agli uomini di simulare lo stupro”; “Un robot sessuale stupratore rende il mondo più pericoloso per le donne, non meno”, ma nonostante il recente clamore mediatico, i robot sessuali sono ancora nelle prime fasi di sviluppo. Kate Devlin, docente alla Goldsmiths, University of London, è un’esperta di robotica sessuale.

Ha preso Twitter per esprimere la sua obiezione al clamore dei media: “Non ci sono ancora robot sessuali in produzione, solo bambole”. E, come ha chiarito Devlin via e-mail, di quelle aziende che stanno mescolando animatronics e AI con le loro bambole, i prodotti sembrano ancora essere molto in fase di sviluppo. “C’è fin troppo allarmismo”, ha detto. “Dobbiamo discutere l’etica, ma non da un punto di vista morale esaltato.”

La capacità di fingere fornicare con qualcosa – “qualcuno” – che può dare l’illusione del consenso ha sollevato una serie di questioni morali. Un rapporto della Foundation For Responsible Robotics ha recentemente esaminato una serie di queste preoccupazioni: i robot sessuali rappresentano una minaccia per le donne? Dovremmo consentire i robot “violentabili”? E i robot a misura di bambino?

“Quello che stiamo vedendo con i robot del sesso è semplicemente un’evoluzione delle bambole del sesso”, continua Devlin. “Abbiamo una tecnologia straordinaria con cui giocare, eppure i robot del sesso stanno percorrendo la via degli umanoidi ultrareal.” Devlin pensa che questo non sia il percorso corretto da esplorare.

A causa dell’effetto misterioso della valle, che è la sensazione indescrivibilmente inquietante che proviamo quando interagiamo con un robot dall’aspetto realistico, crede che molte persone non vorranno interagire così intimamente con ciò di cui sono inconsciamente consapevoli sia solo meccanica e silicio. Per questo motivo, Devlin ritiene che l’attuale direzione della produzione di robot sessuali sia “destinata a fallire”.

ANGELICA T.

Il mio obbiettivo è di aiutare le coppie a vivere esperienze sensuali indimenticabili. Ho molta esperienza nel settore dell’amore e ho una grande passione per l’argomento. Sono sempre alla ricerca di nuove forme di erotismo e alla condivisione della mia esperienza con i miei lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.